Pulizia e manutenzione

Perchè gli acciai inossidabili devono essere puliti?

Gli acciai inossidabili sono generalmente utilizzati ed impiegati per il loro aspetto attraente e per la loro resistenza alla corrosione, garantita dal film passivo, che si autogenera a contatto con l’ambiente. Tuttavià, qualche particella di sporco o macchie, possono diminuire la resistenza alla corrosione,  dunque è necessario rimuovere tali impurità dalla superficie. La pulizia è perciò necessaria per preservare sia l’aspetto lucente degli acciai inox, sia per assicurare una costante protezione e resistenza alla corrosione, nell’ambiente in cui è a contatto. 

 

Quando gli acciai inossidabili devono essere puliti?

La frequenza della pulizia, ovviamente, dipende dalle condizioni di impiego. In alcuni casi, avviene automaticamente ed in modo naturale (per esempio edifici esposti all’ acqua piovana). Al contrario, quando non avviene in modo naturale, la sporcizia in generale, deve essere rimossa, quanto prima, per evitare accumuli che possono deteriorare la superficie del manufatto.

 

 

Tecniche di pulizie

 
Per garantire una lunga vita di un edificio, raccomandiamo di rispettare le usuali operazioni di pulizia.
Nota: le operazioni di pulizia non si applicano alla gamma di prodotti stagnati commercializzati sotto il nome di Uginox Patina.

 

In pratica, esistono tre differenti modi di operare:

Prima dell’installazione in un sito

 

Rinnovamento

Usualmente, le parti in acciaio inox, sono protette con un film plastico (eccetto per le nuances stagnate). Dopo la rimozione di tale film (rimozione che tassativamente deve avvenire entro 6 mesi, dall’ applicazione del film protettivo), è sufficiente effettuare una semplice pulizia con acqua e sapone.

Nel caso di presenza di sporco (gesso, cemento, colla,…), è necessario utilizzare prodotti appropriati.
 

In caso di graffiti, tags o scarsa manutenzione, l’uso di prodotti detergenti può non essere sufficiente, per ridonare l’aspetto originale al materiale. Bisogna utilizzare prodotti di pulizia specifici, per ottenere risultati migliori. Un risciacquo finale, è sempre necessario.

 

     

Regolare manutenzione

   Interni
> Detergenti - Detersivi:

devono essere utilizzati detergenti e saponi utilizzati in ambito domestico, cosi come i prodotti utilizzati nella pulizia delle vetrate.

In ogni caso, qualunque sia il prodotto utilizzato, è tassativo risciacquare abbondantemente con acqua pulita il manufatto, per eliminare ogni impurità.

 
> Disinfettanti: l’ utilizzo di candeggina con acqua calda, anche se diluita, è strettamente vietata. L’uso di candeggina con acqua fredda e diluita, deve essere utilizzata con precauzione, e comunque evitando tempi di contatto lunghi, e risciacquando abbondantemente con acqua corrente.

> L’uso di acido cloridrico e affini, è strettamente proibito.

 

Per asciugare, è buona pratica utilizzare un panno di gomma usato per le finestre. Questo evita la formazione di rigature ed aloni, che possono generarsi invece, utilizzando un semplice panno.

Un principio semplice, consiste nel pulire contemporaneamente i vetri e l’acciaio inossidabile allo stesso tempo.

 

Gli acciai inossidabili presenti in ambienti chiusi, sono soggetti a tipi di sporcizia come macchie o impronte, le quali possono essere facilmente rimosse tramite panno e detergenti. In presenza di sporcizia più marcata, si rende necessario l’utilizzo di specifici prodotti adatti per gli acciai inossidabili (sostanze passivanti, per rimozione di grasso e affini), seguito da un risciacquo con acqua. Per asciugare, utilizzare un panno di gomma usato per le finestre.

 
Consigli pratici
 
   

è buona norma 

 

Da evitare

> Usare spugne o spazzole di nylon (tranne per superfici lucide e finiture a specchio).
> Pulire sempre nella direzione della satinatura/lucidatura, o in ogni caso sempre nella stessa direzione.
> Risciacquare abbondantemente con acqua.
> Pulire con una spatola di gomma, o un panno morbido e pulito.
> Utilizzare idropulitrici con o senza detergenti e/o acqua calda.
> Come regola generale, usare sempre utensili e strumenti puliti
> Proteggere tutte le aree, da smagliature e graffi.
 
 
 
 
L’uso di:
> Elementi metallici.
> Spazzole e lane metalliche.
> Spazzole dure.
> Spazzole in Nylon per le lucidature a specchio.
> Spugne abrasive o polveri (anche le migliori).
 
Applicazioni:
> Prodotti con cloro, cere e candeggine.
> In generale, ogni prodotto, la quale composizione non è totalmente conosciuta, o è stata modificata, come per esempio gli acidi: nitrico, fluoridrico, etc.
 
 
Nota bene
L’uso di acidi o solventi in talune condizioni, da un lato richiedono una particolare attenzione da parte di colui che ne utilizza, dall’altra, un riguardo per l’ambiente. Tali operazioni devono essere sempre seguite da risciacqui abbondanti con acqua.